Perché l’azienda deve poter dialogare in inglese

Parlare in Inglese fa bene alle imprese

L’ultimo rapporto EF certifica che più si sa l’inglese più cresce il reddito personale, la capacità di fare business, crescere all’estero e fare aumentare il PIL del proprio paese.

Come sottolineato anche dal Sole 24 ore, che analizza l’ultimo rapporto EF, l’inglese risulta sempre più fondamentale per le aziende che intendono essere competitive sul mercato. EF ha cercato infatti di mettere in relazione – per un campione di 80 paesi – il legame tra lingua inglese e diversi indicatori relativi alle attività di import/export tra cui efficienza logistica, compilazione documenti di esportazione e tempistiche. Maggiore è il punteggio nei test di lingua inglese della popolazione e maggiore è la capacità di successo nel fare business.

Molti danno questo fatto per scontato ma non è sempre stato così. Nell’Italia pre-crisi, dove c’era un tessuto di impresa dinamico, la padronanza relativamente bassa della lingua non era un grosso problema. Tante PMI potevano infatti “permettersi” di produrre quasi esclusivamente per il mercato interno.

Che cosa è cambiato quindi? Dopo lo scoppio della crisi, l’ancora di salvezza di molte di queste realtà è diventata l’export. Molte di queste PMI hanno avuto quindi necessità di confrontarsi con le lingue estere e in particolare con l’inglese e questo comporta formare personale qualificato; dirigenti, amministratori, ma anche tecnici e impiegati che sappiamo esprimersi fluentemente in lingua inglese.

Purtroppo i dati parlano chiaro: l’Italia risulta ancora molto indietro nella conoscenza di questa lingua, mentre i paesi del nord Europa quali Olanda, Svezia, Danimarca, Germania e Austria dimostrano di essere decisamente competitivi su questo fronte.

Quale può essere la soluzione? Formare personale specializzato. Neway srl se ne è accorta ed è per questo che anche qui nella sede di Reggio Emilia ha attivato uno sportello dedicato all’estero per mettere le PMI in grado di essere competitive anche su questo fronte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *